Accedi al sito
Serve aiuto?

C.O.R.


C.O.R. è indicato come supporto alla terapia farmacologica in pazienti cardiopatici con o senza sintomatologia, quindi è consigliato il suo utilizzo fin dai primi stadi della patologia.
Si onsiglia l'integrazione con i componenti del C.O.R. per apportare il corretto
nutrimento al paziente cardiopatico insieme ad una dieta equilibrata.

 

OLIVO: dal punto di vista clinico le foglie di olivo possono essere impiegate nelle forme di ipertensione arteriosa di grado modesto, ove determinano ipotensione tramite un meccanismo di vasodilatazione periferica: i preparati presentano una buona tollerabilità e non provocano azione depressoria sul cuore. Per l'azione vasodilatatrice a livello coronarico il loro utilizzo può contribuire a prevenire gli attacchi d'angor, riducono inoltre la viscosità ematica e facilitano la diuresi. Recentemente sono stati segnalati nelle foglie acidi grassi polinsaturi (acido alinolenico) che riducono il colesterolo LDL, aumentando l'HDL. Le foglie di olivo possiedono anche proprietà antiaritmiche.

GINSENG: possiede attività tonico-adattogena, stimolante le funzioni cognitive (attenzione, memoria, ecc.) e le performance fisiche; è immunostimolante, e possiede una modesta attività ipoglicemizzante. Il ginseng produce effetto inotropo positivo e cronotropo negativo (aumenta la forza di contrazione del muscolo cardiaco e ne rallenta leggermente i battiti) producendo un iniziale innalzamento pressorio che poi ritorna ai valori normali; gli si riconosce azione antiaggregante piastrinica e fibrinolitica.

CURCUMA: potente antinfiammatorio senza effetti collaterali, fa parte degli “anti radicali liberi” non enzimatici, come le vitamine A, C, E, ma con effetti molto superiori.
Ha un ruolo rilevante nell'inibire l'aggressione piastrinica: può essere convenientemente utilizzata come presidio preventivo per gli anziani ed i soggetti a rischio di trombosi, quali obesi, fumatori, persone con stasi venosa periferica.

ZENZERO: conosciuto soprattutto per la sua azione antiemetica, è in grado di agire come potente antinfiammatorio, grazie ai componenti fenolici (gingeroli e diarileptanoidi): queste sostanze sono in grado di agire in modo duplice sul metabolismo dell'acido arachidonico, bloccando cioè sia la LOX (lipo-ssigenasi) che la COX (ciclo-ossigenasi), ed in particolare i gingeroli agiscono come inibitori della 5-lipo-ossigenasi, bloccando così la sintesi ed il rilascio di prostaglandine. L'inibizione prostaglandinica spiegherebbe l'azione negativa dei FANS sulla mucosa gastrica renale e sull'aggregazione piastrinica. La maggior parte di questi agenti modula la sintesi delle prostaglandine tramite l'inibizione dell'enzima ciclo-ossigenasi, che catalizza una delle prime tappe della conversione dell'acido arachidonico in prostaglandine. Attraverso la riduzione della sintesi prostaglandinica, gli inibitori delle ciclo-ossigenasi bloccano la risposta nocicettiva ai mediatori endogeni della flogosi come la bradichinina, l'acetilcolina e la serotonina.
L'azione antiaggregante è imputabile al gingerolo che inibisce la formazione del trombossano B2  e della prostaciclina D2 dall'acido arachidonico. Risultati paragonabili all'effetto dell'aspirina. Inibizione della ciclossigenasi nelle piastrine.

BIANCOSPINO: miglioramento della circolazione coronarica attraverso un incremento dell'irrorazione dei vasi coronarici e una dilatazione degli stessi. L'effetto immediato sulle cellule del miocardio è da intendersi nel senso di un incremento di attività e di un miglior trofismo delle stesse.
Diversamente dalla digitale e dai digitaloidi, che agiscono sulla sostanza contrattile delle cellule miocardiche, l'azione del biancospino si estende alle altre parti del muscolo cardiaco, che sono in gioco più per il trofismo, le riserve di energia e la spesa di energia. In particolare, si tratta di un effetto positivo sulla concentrazione di calcio intracellulare. Con ciò si spiega anche come mai dal biancospino non ci si debba attendere un rapido innalzamento dell'energia cardiaca immediatamente dopo la somministrazione, bensì un influsso persistente sulle alterazioni degenerative legate all'età del cuore.
II biancospino non ha un'azione antiipertensiva, tuttavia i valori pressori possono regolarsi grazie al miglioramento dell'energia del cuore, forse persino normalizzarsi. Quindi una pressione elevata può abbassarsi e d'altra parte una pressione ridotta può salire.

CANNELLA: ottimo supporto terapeutico contro le malattie cardiache. Essa inibisce il rilascio di acidi grassi infiammatori dalle membrane piastriniche del sangue, aiutando a mantenere il corretto spessore del sangue. Questo a sua volta riduce la pressione arteriosa alta, che può danneggiare le arterie e altri organi. Inoltre aiuta a ridurre i trigliceridi e il colesterolo LDL, importante per il funzionamento corretto del cuore.

 

ACQUISTA

APPROFONDIMENTO