Accedi al sito
Serve aiuto?

IN PRIMO PIANO

C70 PLUS: non solo Vitamina C.
C70 PLUS unisce all'integrazione di Vitamina C le numerose proprietà dell'Erba Medica, che apporta vitamine, minerali, aminoacidi ed oligoelementi, rendendo il prodotto un ottimo ricostituente e rivitalizzante utile anche nelle convalescenze.

Acerola
Il nome botanico è Malpighia glabra L. in onore a Marcello Malpighi, celebre medico del XVII secolo. Tipica pianta della zona caraibica e del Brasile la cui coltivazione si estende anche nei paesi a clima temperato caldo. Appartiene alla famiglia delle rosaceae. Il frutto racchiude in sé le peculiarità fitoterapiche ad essa attribuite, e sul frutto si opera l’estrazione che ci consente di evidenziare composizione e proprietà dell’acerola.
Ricca in contenuto di acido ascorbico (Vit. C), contiene altri acidi organici quali il malico (promuove il rilascio di energia dal cibo), citrico, treonico, ossalico e tartarico (proprietà antiossidanti e riepitelizzante). Importante il contenuto di antocianidine (flavonoidi) in particolare cianidin-3-glucoside (elevata attività antiossidante-antiradicalica). Stimola le difese immunitarie aumentando l’attività di fagocitosi dei globuli bianchi, favorendone la maturazione. Svolge azione antianemica inducendo la flora batterica intestinale a produrre acido folico, con conseguente assorbimento del ferro. Svolge azione endotelio protettrice, agendo contro la fragilità capillare. Intervenendo sulla sintesi dei corticosteroidi, ha un’azione tonico-stimolante.
Acerola: la forma naturale estrattiva consta di 2 subunità. Fattore C1 (acido ascorbico) e Fattore C2 (bioflavonoidi), che svolgono azione antiradicalica/antiossidante, di fondamentale importanza se si considera che è mancante nella vitamina C di sintesi ma fondamentale nel modulare l’attività biologica e la biodisponibilità dell’estratto. Fattori C1 e C2  insieme formano il complesso C, la vera sostanza ad azione vitaminica.
Altre vitamine: vit. A e vit. del gruppo B in particolare B1, B6 e PP.
Minerali: in particolare calcio e ferro.
Azione proenergetica in quanto aumenta l’utilizzo dei grassi risparmiando il glicogeno. Aumenta la resistenza e le difese immunitarie apportando Vit. C ai linfociti T che la utilizzano in misura maggiore rispetto alla sintetica. Intervenendo sulla sintesi dei corticosteroidi svolge effetto tonico-stimolante. Attraverso l’azione antiossidante sul colesterolo LDL  previene l’ipercolesterolemia.
Erba medica
Appartenente alla famiglia delle leguminose, è una pianta perenne rizomatosa a fusto eretto di circa 80cm, di aspetto erbaceo. Presenta foglie a margine denticolato e fiori color violetto attaccati alle foglie con un piccolo picciolo. I baccelli hanno solitamente forma spiralata. L’origine la vuole legata al popolo persiano ma venne introdotta in Europa dai soldati di Alessandro il Grande nel 470 a.C. circa. Nel nostro paese giunse tra il 200 ed il 150 a.C. per poi sparire fino al 1500, quando gli Spagnoli ne reintrodussero i semi (erba Spagna) e gli Arabi ne resero possibile la diffusione.
Ricca di vitamine (C, K, B, B2, B6, D, provitamina A), minerali, aminoacidi ed oligoelementi è un preventivo rimedio ricostituente  e  rivitalizzante utile nelle convalescenze, anemia, emorragie ed osteoporosi. Stimola l'appetito e previene l’ipercolesterolemia, per la presenza di saponine triterpenoidiche svolgenti azione colesterolasica. All’erba medica viene riconosciuta azione depurativa a livello epatico ed ematico imputabile alla presenza nella pianta della clorofilla, che agisce sull’ossigenazione di tutti gli organi e tessuti. Favorisce l’eliminazione di scorie e tossine attraverso le urine (azione diuretica).
 
La corretta assunzione del fabbisogno giornaliero di VitC. è di fondamentale importanza per i pazienti che non sono in grado di sintetizzarla o che comunque necessitino di integrarne il minimo quantitativo  giornaliero.
La scelta delle tavolette assicura l’assunzione della dose certa e la stabilità dell’equivalente in Vit. C in essa contenuta.  

Un roditore caviomorfo necessita quotidianamente di circa 10-30mg/kg di Vit. C, fino a 50mg se in fase di crescita, stress, gestazione-lattazione, fase post-partum, posologie che richiedono comunque il parere del Medico Veterinario.
Sappiamo della instabilità della VitC in acqua e/o cibi pellettati, nonché del rischio di un sovradosaggio nei multivitamici.
L’esperienza di Medici Veterinari e della nostra clientela ci rassicura sull’appetibilità del C70 PLUS (aromatizzato ai frutti di bosco) che viene assunta con facilità dal paziente.